Home page Planetmountain.com

arrowSpecialarrowBooksarrowI 3900 delle Alpi

I 3900 delle Alpi
I 3900 delle Alpi
di Alberto Paleari, Erminio Ferrari, Marco Volken
SCHEDA LIBRO / info:
  • EDITORE: MonteRosa
  • PAGINE: 236
  • ANNO: 2016
  • TIPOLOGIA: Guide
  • ATTIVITÀ: Alpinismo
  • ISBN: 9788894095517

I 3900 delle Alpi

Eiger, Palù,Ortles, Grivola, Roseg, Scerscen, Pelvoux, Aiguille de Trélatète, Bietschorn, Aiguille d'Argentière, Fletschhorn e molti altri in tutto l'arco alpino, 49 cime raccontate e fotografate da tre firme della letteratura di montagna.

RECENSIONE a cura di Simonetta Radice

Da qualche parte ho letto che "sulle montagne che non danno gloria, c'è ancora spazio per sentirsi liberi". Credo che la citazione sia di Maurice Bradley, ma non ne sono sicurissima e in fondo, come vedremo presto, forse non importa. Quello che invece importa è che "I 3900 delle Alpi", libro scritto da Alberto Paleari insieme a Erminio Ferrari e Marco Volken, è una sorta di inno a queste cime “seconde”, spesso assenti dai carnet dei collezionisti di vette solo per via di quel centinaio di metri che le relega in una sorta di limbo poco attraente. "Il colpevole sono io" dice Paleari nella prefazione "quello che di professione fa la guida alpina, stufo di sentirmi chiedere dai clienti di salire i soliti quattromila e con l'intento, chissà, di far diventare di moda qualche altra montagna, altrettanto bella e meno scontata."

E così si parte per un entusiasmante viaggio dal Gran Paradiso agli Ecrins, dal Monte Bianco alle Pennine, dall'Oberland al Gruppo Ortles Cevedale: quanti siano i 3900 delle Alpi non è dato sapere con certezza, perché tutto dipende anche da ciò a cui si vuol dare dignità di cima. Nel dubbio tra 52, 53 e 50 si è deciso per 49, un numero tutt'altro che tondo, che ben si adatta a questo alpinismo di ricerca nel segno dell'understatement. Il libro è a tutti gli effetti una guida, in cui ogni autore presenta una scheda tecnica per ogni salita con tutte le indicazioni relative a punti di partenza, punti d'appoggio, dislivello, difficoltà, attrezzatura della via, materiale necessario, discesa e giudizio, senza dimenticare una serie di splendide immagini.

Ogni vetta, come sempre, racconta una storia: di prime ascensioni innanzitutto, effettuate per lo più tra la fine dell'800 e gli inizi del 900, e di pochissime ripetizioni. È divertente scoprire come, spesso, queste cime siano state poco considerate anche dai loro primi salitori. E così, troviamo Whymper liquidare con poche e asettiche parole l'Aiguille de Trélatète: "Alle 9,40 arrivammo sulla più elevata delle tre vette delle Aiguilles del Trélatète, tralasciando la più bassa" e tanto basti. La guida Peter Taugwalder, Lord Francis Douglas e Peter Inabnit salirono invece per primi nel 1865 la Wellenkuppe (Alpi Pennine), mirando in realtà al più prestigioso Obergabelhorn, che raggiunsero invece per secondi in un’altra occasione. Più o meno lo stesso accadde con il Rottalhorn (Oberland), forse salito dai fratelli Hieronymus e Johann Rudolf Mayer insieme ai cacciatori di camosci Alois Volken e Joseph Bortis durante la loro prima assoluta alla Jungfrau del 1811. Lo salirono veramente realizzando due prime ascensioni in un solo giorno? Passarono sotto la cima senza arrivare in vetta? Anche qui non è dato sapere con precisione, e in fondo è bene che nella storia, ma anche nella vita, si salvi un margine di incertezza.

Leggere “I 3900 delle alpi” non è però semplicemente un viaggio a ritroso in un tempo in cui le nostre montagne erano ancora un territorio inesplorato. Pagina dopo pagina, ci si accorge che i veri territori inesplorati sono in realtà quelli della psiche umana. Perché siamo così attratti da montagne che in qualche modo tutti hanno già salito? Perché la maggior parte di noi cerca l'avventura dove non c'è? E perché, infine, siamo tanto legati ai numeri?

“I 3900 delle Alpi” è un invito a dimenticare l'altimetro e a godere di ogni salita ogni singolo passo, a riscoprire il gusto di andare controcorrente, a calcare orme antiche nel segno di nuove emozioni e ad ascoltare una vecchia canzone di Leonard Cohen: "Please, don't pass me by". Per favore, non ignorarmi.

Simonetta Radice

Condividi questo articolo

CERCA nel Libri

Tipologia

Argomento

Titolo

Autore

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni
  • Vento di passioni
    Leggo solo ora: ripetuta da C. Migliorini ed A.Tocchini il 2 ...
    2016-02-11 / stefano michelazzi