Home page Planetmountain.com

arrowTrekking arrowItinerari arrowStalla ovale del Qualido, Val di Mello, Val Masino

Stalla ovale del Qualido, Val di Mello, Val Masino

Scheda a cura di: Eraldo Meraldi, Guida Alpina
Area: Alpi della Bernina, Gruppo: Masino - Bregaglia, Cima: Qualido, Stato: Italia, Regione: Lombardia

Alla scoperta del splendido alpeggio in Val Qualido in alta Val Masino e del Camarun, la famosa stalla ovale del Qualido descritto come uno dei più strabilianti manufatti delle Alpi.

ACCESSO GENERALE

Seguendo la Valtellina, ad Ardenno si entra in Valmàsino. Passato il paese di Cataeggio si arriva a San Martino e si va a posteggiare in zona campo sportivo.

ITINERARIO

Si inizia l’escursione seguendo il sentiero che si addentra nella Val di Mello a destra del torrente e lo si segue fin quando lo si attraversa a sinistra lungo un ponticello immettendosi sulla stradina ciotolata che porta al posteggio nelle vicinanze della Locanda del Gatto Rosso. (Questo tratto lo si può evitare entrando in auto lungo la strada a pedaggio). Da qui si segue il fondovalle lungo la mulattiera per una decina di minuti per poi prendere il sentiero che sale verso sinistra poco prima delle baite Ca’ di Carna. Da qui il sentiero si inerpica gradualmente lungo la Val Qualido. Attenzione perché il sentiero all’inizio non è ben segnalato. Giunti circa a 1750 metri di quota in una bella radura erbosa, ci si sposta a sinistra passando il torrente e si continua sull’esile sentiero fino alla diramazione del famoso ricovero per arrampicatori “Hotel Qualido”. Si continua a destra arrivando in breve nella sella prativa del Cavalet posta a 1960 m. Da qui in diagonale verso destra si arriva in breve alle baite del Qualido e scendendo in diagonale verso destra all’Alpe del Qualido dove si trova ancora ben conservato il Camarun la famosa stalla ovale. Volendo continuare verso l’alto (altri 500 metri di dislivello) si può andare a raggiungere il famoso sentiero Roma che porta seguendolo verso destra al passo dell’Averta e quindi al rifugio Allievi. Scendendo poi dalla Val di Zocca si rientra nel fondovalle in Val di Mello e di seguito a San Martino.

NOTE

Diramazione orientale dell’alta Val Màsino, la Val di Mello è una delle più belle vallate della Alpi. Modellata dal lavoro dei ghiacciai, la valle ha un orientamento Est-Ovest con due versanti molto differenti.

Il lato destro orografico è caratterizzato da grandi pareti di granito, solcate da cenge alberate ad è inciso da quattro valli laterali (da Ovest: Val del Ferro, Val Qualido, Val di Zocca e Val Torrone) che si addentrano verso Nord, fino allo spartiacque con la Val Bregaglia. Il versante opposto è oscuro ed ombroso e le valli laterali sono più piccole e corte. Ad Est la valle è chiusa da un vasto anfiteatro, dominato dalle vette del Monte Pioda 3431 m e del Monte Disgrazia 3678 m. Delle quattro citate, la Val Qualido è la più piccola e selvaggia. L’imbocco è formato da due profondi valloni paralleli, incisi fra alte pareti granitiche. Il solco occidentale, delimitato dall’altissima muraglia del Qualido, è quello principale; quello a Est o Val della Mazza, è assai più stretto ed incassato.

Questi due valloni, separati dalla costiera della Mazza, oggi più nota come “Mongolfiera“, si uniscono a circa 2000 m, confluendo nella sella prativa del Cavalet. Da qui la valle si apre in un ampio pascolo per poi morire in un anonimo punto senza cime dello spartiacque. Il margine orientale della Val Mazza è formato dalle due grandi strutture sovrapposte oggi note come “Bastionata dei Dinosauri” e “Scoglio delle Metamorfosi”.

I toponimi moderni, ormai entrati nell’uso comune, risalgono agli anni fra il 1970 e il 1975, quando la Val di Mello e le sue pareti divennero uno dei maggiori centri italiani di arrampicata. I giovani scalatori trovarono simpatico identificare vie e formazioni rocciose con nomi di fantasia, un po’ più poetici di quelli in uso secolare presso gli abitanti della valle. Il tutto fu comunque fatto nel pieno rispetto della storia e delle tradizioni, senza voler cancellare il passato.

CARTOGRAFIA/BIBLIOGRAFIA

Kompass 92 Chiavenna, Val Bregaglia 1:50.000

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Stalla ovale del Qualido, Val di Mello, Val Masino"

Nessun commento per l'itinerario Stalla ovale del Qualido, Val di Mello, Val Masino

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

PERIODO

da giugno ad ottobre

ORARIO

3-4 ore - AR 5-7 ore all’Alpe del Qualido. / 8-10 ore scendendo dalla Val di Zocca

VERSANTE

Sud

LUNGHEZZA DISLIVELLO

da San Martino Valmàsino 1108 m all’Alpe del Qualido – 1600 m passando in Val di Zocca

PARTENZA

San Martino Valmasino, 923m

ARRIVO

Alpe di Val Qualido

PDF

Stalla ovale del Qualido, Val di Mello, Val Masino

LINK ZONA

Vai all'articolo

LINK

www.guidealpinealtavaltellina.it

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA itinerari

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni
  • Vento di passioni
    Leggo solo ora: ripetuta da C. Migliorini ed A.Tocchini il 2 ...
    2016-02-11 / stefano michelazzi