Home page Planetmountain.com

arrowTrekking arrowItinerari arrowTre Cime di Lavaredo

Tre Cime di Lavaredo

Scheda a cura di: Enrico Maioni, Guida alpina
Area: Dolomiti, Gruppo: Tre Cime di Lavaredo, Cima: Tre Cime di Lavaredo, Stato: Italia

Il giro delle Tre Cime di Lavaredo è una delle più belle e famose escursioni al mondo, da compiere soprattutto in autunno. 

ACCESSO

Sono tre i punti principali di partenza per raggiungere le Tre Cime di Lavaredo: Cortina d’Ampezzo, Auronzo e Dobbiaco. Da ognuno di questi paesi bisogna poi raggiungere Misurina:
da Cortina valicando il Passo Tre Croci, tramite la SR 48; da Auronzo, sempre lungo la SR 48; da Dobbiaco tramite SS 51 di Alemagna, deviando a sinistra (est) in località Carbonin, sulla SS 48bis.

Infine da Misurina si imbocca la strada a pagamento (esageratamente costosa, 22 Euro per le autovetture – tariffe 2014) che risale fino alla base dei versanti meridionali delle Tre Cime. Si lascia l’auto in uno dei tanti parcheggi nei pressi del rifugio Auronzo, dove termina la strada.

ITINERARIO

Il percorso per compiere il giro delle Tre Cime di Lavaredo è davvero ben segnalato ed è pressoché impossibile sbagliare. Solitamente il giro si fa in senso antiorario, ciò non toglie che sia altrettanto appagante nel senso opposto.

Va detto che in autunno il sole non illumina mai le pareti nord, neppure al tramonto. In estate invece, sia all’alba che al tramonto, se pur per poco tempo il calore dei suoi raggi riscalda queste rocce.

Descriverò l’itinerario in senso antiorario. Punto di partenza è il rifugio Auronzo, che sorge a quota 2330 m sulla Forcella Longéres. Dal rifugio incamminarsi lungo l’evidente stradina sterrata in direzione est (sentiero CAI n. 101), seguendo le indicazioni per il rifugio Lavaredo, che dista da qui 1,7 km.

La carrareccia sovrasta inizialmente la Val Marzon, solcata da un serpeggiante sentiero (n. 104) che permette la discesa al Cason della Crosera (1350 m) e al paese di Auronzo di Cadore. In inverno questa valle è nota perché offre una piacevole e lunga sciata fuoripista, da farsi con neve primaverile.

Sopra di noi la Croda del rifugio, che insieme al Sasso di Landro costituisce l’avancorpo meridionale della Cima Ovest. Sul versante opposto, alla nostra destra (sud), oltre alla piatta cima del Monte Campedelle troviamo il bellissimo Gruppo dei Cadini di Misurina, ricco di guglie e pinnacoli dai nomi fiabeschi.

Già in partenza si può notare in lontananza, sulla strada che stiamo percorrendo, la chiesetta di S. Maria Ausiliatrice, costruita in memoria dei numerosi soldati periti di stenti o in battaglia cent’anni fa, quando la Grande Guerra insanguinò questi monti. Una cinquantina di metri prima della cappella, i più attenti potranno notare sulla sinistra del sentiero un masso con impresse due grandi orme fossili tridattile lunghe 30 centimetri, scoperte nel 1992. Fino a trenta anni fa, nessun paleontologo avrebbe mai pensato di trovare tracce di dinosauri nell’area dolomitica.

Dalla chiesetta si vedono ora sopra di noi tutte e tre le Tre Cime: la Cima Ovest sulla sinistra, la Cima Grande nel mezzo, e la Cima Piccola a destra. Proseguendo verso il rifugio Lavaredo la stupenda linea dello Spigolo Giallo appare in tutta la sua bellezza, e ricorda agli alpinisti la bravura di Emilio Comici, mitico scalatore triestino che nel lontano settembre del 1933 vi tracciò una via leggendaria, diventata poi una salita “classica” e ancor oggi affrontata con rispetto e cautela.

Di fronte a noi (nord) la Croda Passaporto e il Monte Paterno, i cui nomi ci ricordano gli eventi della Grande Guerra. Alla nostra destra (est), più lontane, la grande muraglia della Croda dei Toni (o Cima Dodici) e la Cima d’Auronzo.

In breve si Raggiunge il rifugio Lavaredo (2344m), situato ai piedi della Cima Piccola. La Piccola è formata in realtà da tre cime distinte (Cima Piccola, Punta di Frida, Cima Piccolissima) e questo fatto confonde un po’ i turisti; non è raro infatti sentire l’esperto del gruppo esclamare ad alta voce, indicandola: “Ecco, ecco lì le Tre Cime!” :-)

Dal rifugio si prosegue verso la Forcella Lavaredo (2454 m).  Per raggiungerla, si può decidere se proseguire lungo la stradina oppure optare per un ben marcato sentiero sulla sinistra, che attraversa in salita il ghiaione sottostante la Punta di Frida e la Cima Piccolissima. In ambedue i casi il tempo necessario per la salita è breve, una ventina di minuti, e una volta giunti in forcella lo spettacolo è davvero notevole!

A sinistra le vertiginose pareti nord delle Tre Cime incombono maestose. Davanti a noi, in lontananza, il rifugio Locatelli, dove conduce la stradina. Dietro ad esso la piccola Torre di Toblin, e più in là ancora la Punta dei Tre Scarperi, le cime Piatta Alta e Piatta Bassa, la Croda dei Rondoi e Monte Rudo. Massiccia, più a sinistra (ovest) la grande mole della Croda Rossa d’Ampezzo.

Proseguiamo ora in discesa sulla carrareccia in direzione del rifugio Locatelli. Chi lo volesse può decidere invece di utilizzare un sentiero più esposto che porta alla stessa meta, affiancando alla base il Monte Paterno. Il sentiero conta un paio di passerelle, non è difficile ma richiede comunque un passo fermo e una buona dimestichezza con i sentieri montani.

Dopo una mezz’oretta di cammino si perviene ad un bivio: si può scegliere se proseguire sulla stradina fino al vicino rifugio A. Locatelli (2405 m), oppure utilizzare per raggiungerlo la scorciatoia ben segnalata sulla destra.
Se non siamo interessati alla sosta al rifugio, proseguiamo invece a sinistra (sud) in discesa fino ad incontrare, poco lontano, un secondo bivio. Prendiamo decisamente a sinistra (sentiero CAI n. 105) sul sentiero che zigzagando ci permette di perdere velocemente quota e raggiungere il verde e soffice Pian da Rin (2192 m).

Ora bisogna risalire fino al Col Forcellina (2232 m), una erta di circa un quarto d’ora, dopodiché la pendenza scema e il passo si fa più leggero. In breve si giunge alla Capanna dei Pastori (Langalm in tedesco, 2283 m). Alla capanna si possono gustare ottimi piatti genuini, formaggi e lo yogurt di produzione propria, una vera delizia. Da qui la vista sulle pareti nord delle Tre Cime è davvero notevole, soprattutto impressiona lo strapiombante muro giallo della Cima Ovest.

Ci stiamo così avvicinando all’ultimo valico del percorso, la Forcella Col di Mezzo (2315 m) che dista da qui una ventina di minuti. Appena vi si giunge un altro meraviglioso panorama appare ai nostri occhi: a destra (sud-ovest) il versante nord del Monte Cristallo e del Piz Popena; davanti a noi, oltre il Lago di Misurina, l’ombroso massiccio del Sorapìs; più vicino, sulla sinistra, ritroviamo il Gruppo dei Cadini di Misurina.

Siamo quasi giunti al termine della nostra gita e con un’ultimo quarto d’ora di marcia ritorniamo al punto di partenza chiudendo il cerchio attorno alle Tre Cime, leggendarie montagne che hanno contribuito a fare la storia dell’alpinismo, conosciute in tutto il mondo per la loro unicità e bellezza.

NOTE

TEMPI E DISTANZE
Dal rif. Auronzo al rif. Lavaredo 30 min ca. – 1,7 km
Dal rif. Lavaredo alla forcella Lavaredo 20 min ca – 1,0 km (stradina)
Dalla forcella Lavaredo al rif. Locatelli 40 min ca -  1,9 km (stradina)
Dal rif. Locatelli alla Malga dei Pastori 1,15 ora ca -  2,8 km
Dalla Malga dei Pastori al rif. Auronzo 35 min ca -  2,1 k


Rifugio Auronzo: Tel. +39 0435 39002
Rifugio Lavaredo: Cell. +39 349 6028675
Rifugio A. Locatelli (Dreizinnenhütte): Tel. +39 0474 972002
Langalm – Capanna dei Pastori

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Tre Cime di Lavaredo"

Nessun commento per l'itinerario Tre Cime di Lavaredo

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

ORARIO

3,20 ore circa

LUNGHEZZA DISLIVELLO

9,5 km

DISLIVELLO SALITA

405m

DISLIVELLO DISCESA

410m

LINK ZONA

Vai all'articolo

LINK

www.guidedolomiti.com

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA itinerari

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni
  • Vento di passioni
    Leggo solo ora: ripetuta da C. Migliorini ed A.Tocchini il 2 ...
    2016-02-11 / stefano michelazzi